Pubblicato il giorno 4-mag-2019

Studio di Fisioterapia Manipolativa Ortopedica del dott. Denis PENNELLA (PT, BSc, MSc, OMT, SMT, VRS, Docente Università di Tor Vergata e Campobasso)

Un contributo personale sulla rivista dei Fisioterapisti.

Il Mal di Schiena (LBP), in particolare quello cronico, rappresenta un importante problema sanitario e socio-economico nella società moderna. È stato dimostrato infatti che il 60-80% della popolazione generale soffre di lombalgia almeno una volta nella vita. L’incidenza ad 1 anno della lombalgia cronica invece, varia tra il 4% e il 14%. Il trattamento dei pazienti con lombalgia si basa principalmente sulla riabilitazione, che comprende, in particolare, esercizio terapeutico e terapia manuale. Una piccola percentuale di pazienti invece, viene trattata chirurgicamente. Nel trattamento del LBP, l’uso del “massaggio” è sicuramente molto popolare.
Abbiamo indagato l’efficacia di uno di questi approcci, quello del cosiddetto trattamento mio-fasciale (intendendo qualunque tecnica, manuale o assistita da strumenti, applicata ai tessuti molli) nella gestione del LBP in fase acuta, sub-acuta e cronica.
Il trattamento mio-fasciale (MFR - Myofascial Release Therapy) viene definito, nello specifico, come una forma di medicina manuale che prevede l'applicazione di un allungamento a basso carico e di lunga durata al complesso miofasciale, volto a ripristinare la lunghezza ottimale, ridurre il dolore e migliorare la funzionalità (Barnes, 1990) [3].

Leggi tutto l'articolo:
https://www.aifipuglia.it/wp-content/uploads/2019/04/AIFI-66-web.pdf
Contattaci
Messaggio inviato. Ti risponderemo a breve.